www.ristomeglio.it | Allergeni nei ristoranti, il D.Lgs. 231/2017 entra in vigore il 9 Maggio 2018.
Questo sito vuole essere di supporto a tutti coloro che gestiscono un ristorante e a tutti quelli che stanno per farlo. Un pratico aiuto per costruire un business di successo.
allergeni, decreto legislativo 231/2017, 9 Maggio 2018, Regolamento comunitario sugli allergeni
2551
post-template-default,single,single-post,postid-2551,single-format-standard,op-plugin,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.3,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Il nuovo Decreto Legislativo sugli allergeni entra in vigore il 9 Maggio 2018.

Il nuovo Decreto Legislativo sugli allergeni entra in vigore il 9 Maggio 2018.

Caro amico ristoratore,

a far data dal 13 dicembre 2014 è entrato in vigore il Regolamento comunitario relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, che obbliga l’esercente a informare il consumatore in merito all’eventuale presenza dei cosiddetti allergeni nei propri prodotti/piatti.

Lo scorso 8 febbraio 2018 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo n. 231/2017, recante le disposizioni applicative e le sanzioni relative al Reg. UE n. 1169/2011 in materia di etichettatura degli alimenti (ovvero in merito al Regolamento comunitario entrato in vigore il 13 Dicembre 2014). Il decreto riguarda precisamente la “disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori e l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del medesimo regolamento (UE) n. 1169/2011 e della direttiva 2011/91/UE, ai sensi dell’articolo 5 della legge 12 agosto 2016, n. 170 «Legge di delegazione europea 2015»”.

La cosa più importante è che il decreto 231/2017 entrerà in vigore il 9 maggio 2018.

Le disposizioni di maggior interesse per le imprese riguardano:

• l’obbligo di indicazione degli allergeni per i prodotti somministrati sul menù, apposito registro o altra modalità, ma sempre supportata da una precisa documentazione scritta, facilmente reperibile dal consumatore e dalle autorità di controllo;

• la sanzione per l’omessa indicazione degli allergeni (da 3.000 a 24.000 euro) e per l’indicazione con modalità difforme da quella normativamente prevista (da 1.000 a 8.000 euro) con possibilità di ridurre la sanzione pecuniaria fino ad un terzo per le microimprese;

• la conferma della disciplina del cartello recante l’indicazione di tutti gli ingredienti per i prodotti di gastronomia, gelateria, pasticceria e panetteria. Tuttavia, l’obbligo di indicazione degli allergeni deve avvenire in riferimento al singolo prodotto;

• l’indicazione di decongelato sui prodotti con applicazione delle deroghe previste.

Queste sono le disposizioni più importanti in merito al D.Lgs. 231/2017 (che puoi trovare integralmente qui).

Per Tua comodità, allego un file in formato PDF che riporta i 14 allergeni oggetto del Regolamento comunitario europeo: se ti servisse, lo puoi scaricare qui.

Non mi resta che augurarti buon lavoro con gli allergeni!

 

© Ristomeglio 2018

Paolo Guidi

paolo.guidi@ristomeglio.it
Nessun commento

Lascia un commento